Come e quando pulire il tuo camino

la pulizia del camino

Niente dice a casa come un caminetto a legna. I caminetti a gas e gel hanno i loro punti di forza, soprattutto quando si tratta di facilità d’uso. Ma solo un vero camino a legna , con il suo crepitio profondo e le sue braci ardenti, è capace di suscitare un tale senso di immaginazione nei proprietari di casa. Eppure il realismo ha un prezzo. Un camino che a malincuore assorbe il fumo può portare a un interno di casa fuligginoso e maleodorante. Un camino male mantenuto può anche portare a un fenomeno terrificante noto come un incendio del camino.

In molti casi, la causa è un camino sporco. Imparare come e quando pulire la tua canna fumaria può aiutare a migliorare la qualità dell’aria interna e prevenire devastanti fuochi di camino.

Perché devi pulire il tuo camino
I fuochi a legna non bruciano in modo pulito. Quando il legno brucia, rilascia una serie di contaminanti che ricopre l’interno del camino. Il creosoto, una sostanza oleosa e nera, è un sottoprodotto di fuochi a legna. Il creosoto si forma a causa di gas che non sono completamente bruciati e si condensa all’interno del camino e rimane fino alla rimozione. Il verde bruciante o il legno non stagionato accelera l’accumulo di creosoto.

Inoltre, i detriti organici e infiammabili possono entrare nel camino, portati dagli elementi o dagli animali. Il vento può depositare foglie e ramoscelli in ciminiere privi di cappellacci. Gli uccelli e i parassiti possono annidarsi nei camini o portare materiali indesiderati.

I fuochi dei camini iniziano con scatti e schiocchi fragorosi come colpi di arma da fuoco, avanzando verso un suono profondo e rombante. Il creosoto fiammeggiante, nero, oleoso piove nel focolare. Quando inizia l’incendio, inizia come un’esplosione. Le fiamme brillano dalla parte superiore del camino e di nuovo giù nel focolare. A causa dell’espansione termica, la canna fumaria potrebbe incrinarsi in corrispondenza di un punto medio irraggiungibile e sparare fiamme all’interno delle pareti dall’interno. Gli incendi dei camini in genere non possono essere controllati dal proprietario della casa. Perché i vigili del fuoco devono sparare acqua dall’alto verso il basso, la casa subisce danni da inondazioni. In molti casi, l’intera casa è persa.

Quando pulire il tuo camino
I camini devono essere puliti non oltre l’inizio dell’autunno, prima della stagione delle fiamme. Se scegli di noleggiare uno spazzacamino, puoi aspettarti una rapida inversione di tendenza se li fai venire prima, idealmente in estate. Per l’autopulizia, la fine dell’estate è il momento migliore, dal momento che puoi contare su un tetto asciutto e sicuro e condizioni miti.

Oltre alle pulizie programmate del camino, è necessario pulire quando sono presenti queste condizioni:

Fuliggine e creosoto tendono a cadere nel focolaio durante un incendio
Il creosoto strutturato a nido d’ape si accumula all’interno del camino
Il creosoto ha uno spessore superiore a 1/4 di pollice
Bruci un sacco di tronchi artificiali
Sei un utente di caminetto pesante
Bruciare legna da ardere verde o altrimenti non stagionale
Come pulire il tuo camino
Puoi scegliere di chiamare uno spazzacamino o pulire il camino da solo. Se la canna fumaria non è stata pulita da molto tempo, è consigliabile fare una spazzacamino per la prima pulizia. Mantieni la sicurezza praticando una buona sicurezza ladder e controllando l’assistente quando sei sul tetto.

Strumenti e materiali

Spazzole per camini
Prolunghe in vetroresina
Acquista l’aspirapolvere con filtro antipolvere
Scala di estensione
Foglio di plastica
Nastro da pittore e nastro adesivo
Maschera antipolvere e occhiali di sicurezza
Trapano avvitatore a batteria con punta per cacciavite
Sigilla il camino
Di sotto al camino, apri completamente la serranda. Tagliare una generosa sezione di plastica, larga circa 6 piedi e larga 4 piedi, e fissarla sul pavimento davanti al camino con il nastro del pittore o il nastro adesivo. Taglia un altro pezzo di plastica in modo che sia lungo almeno 12 pollici e più largo dell’apertura del caminetto. Fissalo sul camino per sigillarlo contro i detriti.

Vai al tetto
Posiziona la scala di estensione contro la casa in modo da poter accedere al tetto. Porta i tuoi attrezzi per la pulizia del camino fino al tetto. Per sicurezza, chiedi al tuo assistente di tenere la scala. Inoltre, avrai bisogno del tuo trapano a batteria e di una maschera antipolvere.

Rimuovere i cappucci del camino
Per accedere alla canna fumaria, rimuovere i comignoli svitando le viti sui cappucci con il trapano a batteria. Metti i cappucci ben lontani da te in modo da non inciampare su di loro o accidentalmente cacciarli dal tetto.

Preparare la spazzola per la pulizia del camino
Girare la spazzola spazzacamino sulla prima asta di prolunga. Tieni le aste aggiuntive nelle vicinanze perché dovrai aggiungerle alla prima asta.

Scrub the Chimney
Mantenendo una sola bacchetta sulla spazzola in questo momento, strofinare la canna fumaria iniziando dall’alto e procedendo lentamente verso il basso. Sfrega fino a raggiungere la fine della prima asta. Prendi la tua prossima asta e avvitala sul retro della prima asta. Continua a strofinare verso il basso, aggiungendo altre bacchette, finché non puoi andare oltre. Alla fine, arriverete al ripiano del fumo, in genere un punto di arresto per la maggior parte delle operazioni di spazzacamino fai-da-te.

Sfrega mentre rimuovi il pennello
Non rimuovere il pennello con un solo movimento. Invece, cogli l’occasione per strofinare leggermente verso l’alto mentre tiri verso l’alto l’asta. Quando raggiungi un punto di congiunzione, rimuovi un’asta e mettila da parte.

Finire le operazioni sul tetto
Il lato del tetto di questo progetto è quasi finito. Sostituire i comignoli. Raccogli i tuoi attrezzi e consegnali al tuo assistente. Esci dal tetto e rimuovi la scala.

Finisci al piano di sotto
Al camino, attendere una decina di minuti prima che la polvere e i detriti si depositino. Staccare delicatamente la plastica e avvolgerla fino a racchiudere tutta la polvere che ha aderito all’interno. Scartare la plastica.

Pulire le aree visibili che è possibile raggiungere con la spazzola per la pulizia del camino più piccola. Succhia tutti i detriti con l’aspirapolvere del negozio. Rimuovere tutti gli strumenti, quindi arrotolare la plastica del pavimento per racchiudere tutti i detriti caduti.

5 semplici modi per decorare la tua casa con pezzi d’arte

arte e casa

SCEGLI I PEZZI CHE TI PIACCIONO

Semplicemente non ci sono regole per decidere quale pezzo d’arte potrebbe parlarti – il suo fascino si riduce a una connessione emotiva. Pensa alle opere d’arte come ad amici permanenti che vivranno nella tua casa – quindi, devono risuonare positivamente con te e il tuo stile di vita.

INIZIA LA TUA COLLEZIONE


L’acquisto di un pezzo d’arte che ti porta gioia probabilmente ti porterà all’acquisizione di più pezzi che attirano la tua attenzione.

Le fiere d’arte, le gallerie, i mercati, i negozi di antiquariato e gli open studios sono tutti punti di partenza ideali, specialmente se presentano artisti emergenti. Se possibile, conosci gli artisti che ti interessano.

Ciò fornirà una migliore comprensione del loro design e della loro voce artistica, e probabilmente spiegherà come e perché i loro lavori sono in sintonia con te.

Se ciò dovesse rivelarsi scoraggiante o dispendioso in termini di tempo, le consulenze artistiche possono essere un’ottima alternativa: i loro servizi vanno dalla vendita alla consulenza professionale di progettazione e consegna e installazione di guanti bianchi.

ASSICURATI LA VARIETA’ DI PEZZI


Non abbiate paura di mettere insieme una combinazione di opere d’arte, fotografie, stampe, sculture, scatole d’ombra, semplici disegni – dopotutto è per la vostra casa, il vostro spazio. Il posto che tu e coloro che ti circondano chiamano casa dovrebbe riflettere la tua voce artistica, anche se potresti pensare di non averne uno. Fidati di me, lo sai.


PENSA AL POSIZIONAMENTO


Ci sono vari modi per avvicinarsi alla disposizione dell’arte. Pensalo come narrazione. Se il posizionamento è lineare e regolato o sporadico e organico, l’accordo riflette il viaggio in cui desideri che gli ospiti (e te stesso, ovviamente) li scoprano. Puoi andare con un tema, che si tratti di soggetto, artista o colore. Tuttavia, questo non è obbligatorio e anche la casualità è benvenuta – non c’è giusto o sbagliato quando si tratta di stile.

Inoltre, considera che i pezzi non devono sempre essere appesi a un muro. Appoggiandoli a un muro o lasciandoli seduti su una superficie del tavolo, si otterrà un vantaggio nel posizionamento artistico.

SCEGLI LA CORNICE APPROPRIATA


Spesso se i pezzi sono radicalmente diversi, l’unica comunanza tra di loro potrebbe essere attraverso l’inquadratura. Scelgo spesso cornici in bianco, nero o neutro, in diverse dimensioni che andranno a completare il pezzo, mai in competizione con esso. Chiediti se vuoi che la cornice sia audace o sottile; di nuovo, non sentirti sopraffatto. È solo una scelta che può essere di aiuto a qualsiasi corniciaio professionale o servizio di consulenza artistica, forse anche l’artista.

6 consigli per rendere il tuo soggiorno accogliente e invitante

soggiorno accogliente

I nuovi proprietari di case si trovano spesso di fronte al problema di rendere la loro proprietà vivibile e accogliente, che può essere una sfida quando non sei né ispirato, né hai il know-how necessario per lo stile del tuo spazio.

Un buon modo per affrontare questo problema sarebbe iniziare dando carattere e personalità al tuo salotto, l’area che tende ad essere il centro di tutte le case. La maggior parte delle case, in particolare le proprietà terriere e i condomini, sono basate su spazi abitativi e da pranzo a pianta aperta. Qui ci sono cose da considerare.


PIANIFICA IL LAYOUT

Assicurati che il layout della stanza favorisca l’intrattenimento e che sia più di un semplice spazio per due persone che si affacciano su uno schermo TV. Concentrati sulla creazione di un layout che incoraggi l’interazione tra gli abitanti.

Assicurati che l’arrangiamento sia confortevole, prima di passare a decorare lo spazio.

Un divano a sezione oa tre posti è ideale per posizionare gruppi di persone in modo che possano interagire tra loro, ma tali elementi di arredo possono essere particolarmente adatti per un piccolo soggiorno. In questo caso, cerca di migliorare l’atmosfera con l’illuminazione d’atmosfera.

Rimarrai sorpreso dal modo in cui l’illuminazione ambientale aiuta a facilitare la conversazione tra i presenti. Di seguito è riportato un elenco di elementi da considerare durante lo styling del tuo salotto.

  • Poltrona
  • piccolo pouf
  • Sgabello in ceramica
  • Lampada da tavolo / terra
  • Tavolini da caffè di dimensioni variabili o un grande tavolino da caffè
  • Palmo interno, per creare un’atmosfera tropicale e collocare in angoli dispari


VERANDA ABITABILE

Le aree abitabili negli appartamenti condominiali sono generalmente piccole. Lo spazio può essere ampliato vestendo la veranda, in modo che diventi un’estensione del soggiorno. Assicurati di lasciare un po ‘di soldi nel tuo budget di stile per grandi fioriere con fiori di gelsomino che fioriscono tutto l’anno. Completa il tutto con le luci a batteria per evidenziare il verde e creare luci d’atmosfera la sera.


L’ESSENZA È IMPORTANTE

Ogni casa ha il suo odore che è un riflesso del carattere del proprietario della casa, in quanto è una funzione della sua preferenza. Non trascurare di accendere una candela profumata la sera. La sera è un momento per rilassarsi, rilassarsi e ricaricare, quindi optare per i profumi rilassanti, come la lavanda o citronella, per aiutarti a facilitare l’umore.


ARTE MURARIA

Il muro dietro al divano deve avere qualcosa sopra. Non devi aspettare per trovare l’opera d’arte perfetta. Utilizza fotografie in bianco e nero della tua famiglia (ingrandite fino a un formato adatto) o alcune stampe colorate a mano per creare un muro di istruzioni.

NON DIMENTICARE IL TAVOLINO DEL CAFFÈ

Un tavolino da caffè, indipendentemente dalle dimensioni della stanza o se si hanno bambini piccoli, devono essere vestiti, altrimenti la sua presenza sembra pesante e fredda. Non ha bisogno di essere ingombra, ma alcuni elementi chiave di altezze variabili faranno il trucco, ad esempio:

  • Orchidea finta o fiori veri in un vaso di gemme
  • Libro del tavolino o pila di riviste
  • Scatola per contenere i telecomandi
  • Vassoio per ancorare i pezzi
  • Se non si dispone dello spazio, prendere in considerazione due tavoli quadrati o tre rotondi di diverse dimensioni. Utilizzare finiture in nichel o ottone, o lati strutturati, per aggiungere interesse.


ALTRO SULLE CUCINE APERTE

I controsoffitti della cucina dovrebbero essere trattati come se fossero stazioni di buffet laterali o una console. Un modo semplice per ravvivare lo spazio sarebbe aggiungere una serie di barattoli di vetro con lime o limoni o posizionare due grandi vasi di vetro con fiori freschi su entrambe le estremità della panca della cucina. Questo lascia spazio per utilizzare il piano di lavoro, ma lo veste anche per le serate e quando non in uso.

Cucina e soggiorno open space

cucina open space

Al giorno d’oggi, una cucina open space non è una novità. Tuttavia, indipendentemente dal fatto che la cucina e la stanza adiacente godano di un flusso facile è un’altra questione.

Ma una cucina che condivide il suo spazio con un soggiorno offre così tanto potenziale, soprattutto in termini di intrattenimento, in quanto fornisce spazio per per gli ospiti. Anche la stanza non sembra angusta, come spesso accade nelle cucine isolate.

Ci sono molte possibilità di separare una cucina dal soggiorno, come usare un’isola della cucina, un tavolo o una mensola come divisorio.

Se si desidera una separazione completa, è possibile, naturalmente, utilizzare anche un’intera parete per separare saldamente la cottura dallo spazio abitativo.

Oggi esploriamo alcune altre opzioni riguardo questo argomento.

Un’isola della cucina come divisorio

Frigorifero, stufa, lavello e una piccola area di lavoro, una sezione separata dal resto della casa.

Per molto tempo, la cucina era proprio questo, una semplice cucina in cui il cuoco lavorava da solo.

Tuttavia, quei giorni sono passati e la cucina è diventata sempre più il centro della vita familiare e funge da luogo di incontro per la famiglia e gli amici.

Non è più un semplice spazio per cucinare e per cucinare, poiché è diventato un luogo vivo e socializzante.

E quando le dimensioni della stanza lo consentono, l’isola della cucina è un elemento molto importante che migliora la socializzazione e la comunicazione.

Un altro grande vantaggio di un’isola di cucina è che può facilmente separare una cucina e un’area living visivamente, senza lasciare che la parte della cucina diventi totalmente isolata.

Al contrario, l’area è così invitante, dato che alcuni amici o familiari possono radunarsi attorno ad essa e includervi nella conversazione, anche mentre cucinate.

Un muro profondo come partizione di una stanza

Un muro basso è probabilmente meglio conosciuto dall’esterno.

Le pareti profonde sono spesso viste nell’ottica di pietra di fronte a giardini, parchi o spazi simili.

Ma anche se vuoi una separazione chiara ma non completa dalla cucina e dal soggiorno, puoi decidere di installare un muro così profondo.

La parete bassa assicura che lo spazio possa essere chiaramente visto come un’area separata, ma l’apertura ancora esistente crea un’atmosfera più confortevole.

Un’area della parete profonda deve essere lasciata aperta per consentire il passaggio nell’altra stanza.

E che dire di un muro profondo in stile antico e rustico, come si vede qui? Le colonne aggiunte possono diventare un tocco assolutamente accattivante.

Una tabella come partizione di una stanza

Un semplice trucco per separare la cucina e il soggiorno è un tavolo. Se hai una cucina ordinaria che condivide il suo spazio open space con un’area relax, allora un semplice tavolo può separare visivamente entrambe le zone, in modo simile a un’isola della cucina.

E proprio come un’isola, un semplice tavolo da pranzo può anche essere il punto di ritrovo per amici e parenti.

Un tavolo rettangolare è una grande opzione, visto che può separare lo spazio sia in lunghezza che in larghezza. L’aggiunta in una tavola rotonda potrebbe sconvolgere l’intero design lineare, anche se occupa meno spazio.

Una libreria

Un altro modo molto semplice per separare la cucina e il soggiorno è impostare uno scaffale come un muro.

Scaffali alti e larghi garantiscono una buona visibilità quando sono pieni di libri, eppure non danno l’impressione di uno spazio completamente isolato, poiché non è completamente opaco.

Inoltre, la maggior parte degli scaffali dei libri non arriva fino al soffitto, che include spazio extra e spazio per respirare.

Un muro classico

Naturalmente se si desidera una separazione totale tra queste due stanze, un muro collaudato rimane l’opzione migliore, portando ad una cucina che gode del proprio spazio e del layout completamente separato dal soggiorno.

Basta notare che, visto che cucinerete e cucinerete in quella cucina, i numerosi profumi potrebbero raggiungere il soggiorno adiacente, il che non è sempre una buona cosa.

Ed è per questo che una cappa è considerata appropriata, per separare i profumi della cucina da quelli del soggiorno.

Alcune buone ragioni per realizzare un soggiorno e sala da pranzo open space

Gli spazi aperti sono più luminosi e, soprattutto, più invitanti, trasmettono un senso di libertà e spazio.

E anche se le attività della cucina e del soggiorno non sono necessariamente le stesse, a volte si vuole ancora un collegamento diretto con qualsiasi cosa stia accadendo nello spazio di cottura, specialmente quando lo chef sta applicando gli ultimi ritocchi al pasto e gli ospiti sono già seduto al tavolo.

In questo modo, l’intera attività di preparazione alla cucina e ai pasti diventa un’esperienza sociale e include tutti, non solo quelli in cucina.