Come rimuovere una cappa da cucina in 10 passaggi

cappa da cucina

La tua cappa aspirante smette di funzionare correttamente e deve essere sostituita? Ecco una guida passo-passo per aiutarti a svolgere il tuo lavoro.

Passaggio 1: scollegare l’alimentazione

La maggior parte delle cappe da campo utilizza un circuito diverso da quello che alimenta la gamma.

Generalmente si trovano su un interruttore automatico da 120 volt. Accendi sia la ventola che la luce dalla cappa aspirante e chiedi a un’altra persona di spegnere e riaccendere i circuiti finché non trovi quella che controlla la ventola e gli altri componenti della cappa.

Una volta individuato, disattivare l’interruttore automatico.

Se non riesci a individuarlo, puoi tagliare la fonte di alimentazione principale della casa.

Passaggio 2: libera spazio

Se è possibile, sposta la portata elettrica. Le gamme di gas possono essere troppo pesanti, ma se si dispone di un intervallo elettrico, è probabile che lo si possa sfilare un po ‘per consentire una facile operatività.

Ad ogni modo, guarda i cavi elettrici e individua qualsiasi linea di gas flessibile. Questi non dovrebbero mai essere spostati o scollegati se non da un professionista autorizzato. Se non sei in grado di spostare presso il tuo raggio d’azione, lasciatelo in posizione.

Passaggio 3: ispezionare la cappa e rimuovere l’hardware

Se c’è un armadietto sopra la cappa, dai un’occhiata per vedere come è installato. Questo dovrebbe fornire alcune informazioni su come è protetto, canalizzato e alimentato. Rimuovi tutte le lampadine, i coperchi e i filtri, poiché spesso alcuni degli elementi di fissaggio che tengono in posizione il paraluce sono dietro questi.

Passaggio 4: individuare e identificare i collegamenti

Una volta rimosse tutte le coperture, ora dovresti avere accesso al cablaggio della cappa. Etichettare ciascun filo usando un numero o un colore scritto sul nastro adesivo.

Passaggio 5: scollegare i collegamenti

Svitare i dadi del filo o altri componenti hardware di connessione e tagliare tutti i fili che utilizzano connettori isolanti il ​​più vicino possibile al connettore per lasciare la massima quantità di filo.

Passaggio 6: rimuovere il connettore del conduit o il connettore del cavo

Rimuovere il controdado dal raccordo che fissa il cavo o il conduit in posizione all’interno del compartimento dei cavi. Se non riesci a rimuovere questo raccordo ora, potresti essere in grado di utilizzarlo in un secondo momento quando il paraluce non è fissato.

Passaggio 7: rimuovere i dispositivi di fissaggio

Chiedere a un’altra persona di sostenere il paraluce mentre si rimuovono tutti gli elementi di fissaggio, tranne due alle estremità opposte del paraluce.

Allentare queste due viti in modo che stiano ancora trattenendo il cappuccio, ma possono essere facilmente rimosse.

Passaggio 8: supporto del paraluce

Con il tuo aiutante che supporta ancora il cappuccio, rimuovi le ultime due viti e abbassa il cappuccio. Molto probabilmente è molto leggero, ma anche molto voluminoso, quindi cerca di avere un’area messa da parte per posizionare il cofano una volta scollegato.

Passaggio 9: scollegare l’alimentazione

Accedere ai connettori e ai raccordi e scollegare il paraluce dalla fonte di alimentazione scollegando le viti dal paraluce collegate alla fonte di alimentazione.

Se la cappa non verrà sostituita, installare un quadro elettrico approvato. Se verrà sostituito, semplicemente tappare le estremità dei fili con i dadi del filo in modo che nel frattempo sia sicuro.

Passaggio 10: Ripristina alimentazione

Una volta sistemati i fili, ripristinare l’alimentazione della cappa se faceva parte di un altro interruttore o è stato necessario spegnere la fonte di alimentazione principale.



Come progettare una cucina shabby chic

C’è una vera abilità nel trovare il perfetto equilibrio tra eleganza e shabby.
Anche se uno schema shabby chic può sembrare progettato senza arte, c’è una vera abilità nel trovare il perfetto equilibrio tra chic e shabby.

C’è un suggerimento della cucina della fattoria pre-industriale su questo stile. Idealmente, le unità e gli apparecchi sono una combinazione di pezzi indipendenti. Oppure, per avere un aspetto simile, scegli le unità dotate di “gambe” o di una pedana incassata. Utilizzare scaffali aperti e pensili vetrati per spezzare la monotonia di una serie di porte dell’armadio e migliorare l’effetto non idoneo.

Mescolare e abbinare

Shabby chic è meravigliosamente easy e informale. Non ci sono spigoli vivi. Pensa alle unità tradizionali in una finitura pallida e verniciata. È ancora meglio se la vernice ha un effetto distrutto o anticato. L’idea è quella di creare un’affascinante patina d’età che sia elegante con un po ‘di rusticità.
I pavimenti, le lastre di pietra e le piastrelle piane lavate, verniciate o lavate a calce funzionerebbero bene in questo stile. Per i piani di lavoro, prendete in considerazione superfici in legno, marmo o semplici compositi.

Elementi vintage

Aggiungere un tocco sorprendentemente decorativo allo schema decoratiovo può essere efficace. Prendi in considerazione la possibilità di illuminare lo spazio con un lampadario in vetro, ad esempio, o di mostrare una collezione di vasi di vetro pressato o porcellane d’epoca su scaffali aperti. Questi tocchi ornamentali offrono un interessante contrasto con la praticità della stanza.

Toni naturali

Colori chiari o tenui sono buone scelte quando si crea una tavolozza per una cucina shabby chic. Guardare utilizzando tonalità di bianco morbido, crema, pietra o grigio pallido come colore di sfondo e portare toni più scuri con accenti di carbone, blu fumo o lampone profondo. O mantenere la tavolozza chiara e interessante con riflessi di blu polvere, rosa rosa o giallo primula. Quando si tratta di scegliere i modelli, attenersi ai classici come macchie, strisce o fiori. Evita versioni audaci e scegli disegni sbiaditi e sobri.

Lo stile Old-fashioned


Completa il look con accessori e utensili che ricordano un’epoca passata.

Per la tua scelta, fai attenzione ai cesti intrecciati in lino, ai vasetti di vetro in stile vintage e alle scatole di legno dipinte. Pentole tradizionali come cucchiai di legno, scodelle in ceramica, pentole in ghisa, padelle e padelle di rame sono un investimento senza tempo.